Aggiornamento Informative Privacy

Clouditalia desidera informare i propri clienti e/o visitatori che a seguito dell’entrata in vigore del Nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei dati (UE 2016/679), applicabile a partire dal 25 Maggio 2018, sono state aggiornate le Informative Privacy. I documenti contengono importanti informazioni su come Clouditalia raccoglie, utilizza, condivide e conserva i dati personali e su quali sono i diritti degli interessati. Per prendere visione delle Informative Privacy aggiornate clicca qui. Informiamo che le Informative Privacy sono state aggiornate anche all’interno delle Condizioni Generali di Contratto e/o delle Condizioni di Utilizzo dei Servizi con variazione unicamente degli articoli relativi alla Tutela dei Dati Personali. Tali variazioni sono state effettuate in adeguamento alla nuova legislazione Europea in materia di privacy ed essendo imposte da Leggi, Regolamenti e Provvedimenti delle competenti Autorità, saranno automaticamente applicate a far data dal 25 Maggio 2018.
Condizioni valide a decorrere dal 25 Maggio 2018

Risultati ricerca 2014 - Osservatorio Cloud & ICT as a Service

I risultati della ricerca 2014 dell’Osservatorio Cloud & ICT as a Service della School of Management del Politecnico di Milano, hanno dimostrato che il mercato complessivo del Cloud in Italia è cresciuto del 40% circa in un anno. Se fino a questo momento si è parlato di “un cambiamento possibile” ora i dati confermano un reale aumento della fiducia da parte delle aziende italiane con il raggiungimento del traguardo del miliardo di euro di fatturato.
Il nostro Direttore Generale, Francesco Baroncelli, ha partecipato alla tavola rotonda "L’evoluzione della filiera ICT e i nuovi ruoli di brokeraggio" con alcuni dei maggiori player italiani. Nel corso degli interventi è emersa l’esigenza, da parte delle aziende, di aggiungere valore al business sfruttando la possibilità di legare l'erogazione dei servizi Cloud ad un elevato livello di personalizzazione. Cloudtialia partendo da “un heritage molto importante di 14.000 km di infrastruttura”, come spiega Baroncelli, si dimostra pronta ad offrire servizi ibridi collaborando così al rilancio della produttività delle medie e grandi imprese italiane.